Contenuto - Storia e forma d’impresa

Storia, forma di impresa, informazioni sulla gestione amministrativa

Das Technorama-Museum wurde 1982 eröffnet

Antikes Fahrzeug, zum anfassen nah

Das Technorama als technisches Museeum

Präparierte Modelle zeigen technische Zusammenhänge auf

Fluggeräte: "Hands-On"-Exponate vermitteln mehr als Information

Seifenblasenmaschine

Von der Verblüffung zum Aha-Erlebnis

Die erste Technorama-Ausstellung mit interaktiver Kunst

Kulturpreisübergabe 2001 für Ex-Direktor Remo Besio (links) durch Ex-Stadtpräsident Dr. Martin Haas

Neueröffnung 2002 mit Performance "Flügzüg"

Neueröffnung 2002: Vernissage der neuen Eingangsfassade von Ned Kahn

Nach dem Umbau 2002

Vernissage des Chemielabors, 2007

Eröffnung des Innenhofs mit Magischer Welle, 2009

Das Technorama wird auch Veranstaltungsort

Das Technorama wird als beliebtes Ausflugsziel bekannt

Storia e forma d’impresa

Già nel 1947 fu costituita un’associazione per la fondazione di un museo tecnico della Svizzera e si cominciarono a raccogliere gli oggetti, per lo più donati dalle industrie della regione e del “Triangolo d’oro” dell’ingegneria svizzera (Winterthur-Zurigo-Baden).

Il 26 giugno del 1969 venne costituita una fondazione, in base all’articolo 80 e ss. del Codice civile elvetico, denominata TECHNORAMA DER SCHWEIZ (Technorama della Svizzera) con l’ulteriore determinazione d’intenti di “fornire una stimolante esposizione di scienza e tecnica”. Indubbiamente quest’idea doveva concretizzarsi sotto forma di allestimento espositivo che con questo mezzo avrebbe reso accessibile a un vasto pubblico l’incontro diretto e sperimentale con il corrispondente mezzo tematico.

Nel 1982 venne presentata una mostra la cui impostazione seguiva musei tecnici fortemente tradizionali e convenzionali ed era corredata da grandi quantità di informazioni verbali, principalmente sotto forma di una “sovrastruttura” audiovisiva.

Nel giugno del 1990 venne varato un nuovo indirizzo (creato dal direttore di allora, Remo Besio), che sostanzialmente si ispirava e si orientava ai più avanzati Science Center degli USA e dell’Inghilterra, vale a dire l’Exploratorium di San Francisco. Le basi teoriche per questa impostazione erano state fornite dalle riflessioni di Frank Oppenheimer (USA) e Richard Gregory (UK) in vista di un museo della scienza oltre che dalle pubblicazioni di Steven Pizzey e da un’ampia raccolta di relazioni specialistiche e valutazioni dell’Associazione americana dei Centri per la scienza e la tecnologia (Association of Science and Technology Centers, ASTC). Infine a questa impostazione contribuirono anche i concreti progressi raggiunti nel campo della costruzione delle installazioni e i suggerimenti del pedagogo tedesco Hugo Kükelhaus (1900-1984).

Nell’ultimo decennio (fino al 2000) è avvenuta la pianificata trasformazione di un polveroso museo tradizionale in un Science Center, cioè un campo di sperimentazione multiforme e ricco d’atmosfera che invoglia a imparare sperimentando e giocando. Il nuovo orientamento ha trovato riscontro in un lusinghiero incremento del numero degli spettatori. Ma ancora più decisivo è stato il fatto che è decisamente cresciuto l’afflusso di giovani visitatori di ogni età, dai bambini della scuola materna fino agli studenti delle superiori. Così Technorama si è definitivamente affermato come un’oasi sempre più irrinunciabile dell’apprendimento extrascolastico.

Nel 1999 si è conclusa anche una riorganizzazione della Fondazione che è stata resa possibile dalla riforma della struttura della fondazione (con l’abolizione della divisione tra Consiglio della Fondazione e comitato direttivo e la rielaborazione del regolamento e degli statuti).


Nota a piè

Copyright © 2016 Swiss Science Center Technorama. All rights reserved.

URL di questo sito:

http://www.technorama.ch/it/chi-siamo/technorama/storia-e-forma-dimpresa/?type=0&cHash=323f2f1166a44d62b904b5030de52e2b